jQuery(function($){ $(".hasTooltip").tooltip({"html": true,"container": "body"}); });

Raduno

6 Raduno delle Maschere antropologiche 2017

I Gruppi di #antropologico2017

LE MASCHERE - Tricarico (MT) - Basilicata

Colori, suoni, tradizioni, fanno del Carnevale di Tricarico un evento magico e unico nel suo genere. Dalle origini incerte, ma antichissime, il Carnevale di Tricarico è caratterizzato da maschere di tori e mucche (impersonati da uomini), che rappresentano una mandria in transumanza. Neri con nastrini rossi i primi, bianche con nastrini colorati le seconde. Il Carnevale di Tricarico cade nel...

Leggi di piú >

BOES E MERDULES (2)

BOES E MERDULES Ottana (NU) Maschere della tradizione sarda, rappresentano la lotta tra l'istinto animalesco e la ragione umana: infatti nelle esibizioni carnevalesche il Boe viene inseguito, frustato e catturato dal Merdule, ed insieme danno vita all'imitazione di furiose risse. I Boes indossano sul volto una maschera che ha le fattezze di un bue, realizzata in pero selvatico e variamente...

Leggi di piú >

LOS MAMUXARROS – Unanua, Spagna

I Mamuxarros sono personaggi vestiti di bianco, con una fascia rossa in vita, e indossano una maschera di bronzo sul viso per celare la propria identità e un grand foulard colorato sulla testa e intorno al collo. Muniti di larghe varghe di nocciolo, minacciano e cercano di colpire chiunque capiti loro a tiro. Secondo l’usanza, le loro vittime, che sono...

Leggi di piú >

I FIORI DEL SUD DI CRISPIANO (TA) - Puglia

Il carnevale di Crispiano, ha una tradizione di 50 anni, ma da 13 anni viene celebrato in estate. Nel 1999, la Pro Loco di Crispiano, decise di mettere in pratica un’idea innovativa, legare il turismo estivo e la tradizione gastronomica di questo paese, con il divertimento e la goliardia carnevalesca ed è così la tradizionale sfilata invernale di carri, si...

Leggi di piú >

I DOMINI - Lavello (PZ) - Basilicata

La maschera lavellese affonda le sue origini lontane in un misto di sacralità, devozione e simbolo di allegria e baldoria. I Domini indossano una lunga tunica in raso, generalmente di colore rosso, guarnita con un cappuccio che nasconde il viso e con un cordone che cinge il saio. Il colore del domino variava in base al ceto sociale di chi...

Leggi di piú >

POLËCËNELLË BIELLË - Alessandria del Carretto (CS) - Calabria

La tradizione racconta che questo costume é legato ai fidanzamenti ufficiali: infatti, la prima volta che il fidanzato faceva il suo ingresso a casa della promessa sposa, si presentava vestito da Polëcënellë biellë e, come suo primo dono, portava “u scruiazzo”, un bastone di legno inciso, opera di falegnami locali, sulla cui cima ci sono delle palline di lana colorate....

Leggi di piú >

L’Orso e il Carnevale di Teana

l protagonisti del Carnevale di Teana sono L’Orso e il Carnevale e proprio nei confronti di quest’ultimo, l’ultimo sabato, è ambientato il “processo”, parodia della “Passione di Gesù”. Un folto corteo di maschere, fin dalle prime ore del mattino, sfila nel bosco vicino al paese, dove si incontrano i personaggi più caratteristici: la “sposa” e lo “sposo” vestiti di tutto...

Leggi di piú >

‘A MASCHIRA (2)

‘A MASCHIRA Cattafi (ME) Gli "Scacciuni" sono la maschera tipica di Cattafi, la cui origine sembra collocarsi fra il 1500 e il 1600, quando orde di turchi imperversavano nei nostri mari, saccheggiando e depredando le località costiere. Dopo la battaglia contro i saraceni, che si concluse con la vittoria dei Cattafesi, prese a usarsi il termine "SCACCIUNI" per indicare, appunto,...

Leggi di piú >

L'urs e U'rumit – Satriano di Lucania

Considerato come uno degli ultimi riti arborei e ancestrali sopravvissuti nella loro integrità, il carnevale di Satriano ha subito vari mutamenti per quanto riguarda la sua interpretazione. Nel XX secolo infatti, richiamava il tema dell'emigrazione e del ritorno alla terra natia. Una notevole evoluzione si è innescata, invece, a partire dagli anni 2000 e ancor di più dal 2013 quando...

Leggi di piú >

I CAMPANACCI - San Mauro Forte (MT)- Basilicata

Ogni 16 gennaio si ripete l’antico rito nel paese della collina materana, legato alla festa di Sant’Antonio Abate, dove il carnevale è contraddistinto dalla sfilata di diverse bande di suonatori di campanacci, che percorrono le vie del paese al suono di questi caratteristici e rumorosi strumenti. Uomini di ogni età girano per le strade del paese, muniti di enormi campani...

Leggi di piú >

IL DIAVOLO di Tufara (CB)- Molise

Questa antica maschera carnevalesca rappresentava, un tempo, la passione e la morte di Dioniso, dio della vegetazione, le cui feste venivano celebrate in quasi tutte le realtà agresti. Il diavolo era vestito con 7 pelli di capro, animale sotto le cui sembianze amava manifestarsi il dio Dioniso. Con l’avvento del Cristianesimo, il rito pagano fu “declassato” a mera maschera carnevalesca,...

Leggi di piú >

N’DOCCIATA DI AGNONE (IS) – Molise

La 'ndocciata è un evento tradizionale che si svolge il 24 dicembre ad Agnone, costituito da una sfilata di enormi fiaccole (costruite artigianalmente con tronchi d'abete), lungo il corso del paese. Le radici della tradizione risalgono all'epoca romana, al tempo della tribù del Sannio; i Sanniti usavano 'ndocce come fonte di luce durante gli spostamenti tribali che si verificavano durante...

Leggi di piú >

ŠKOROMATI - Slovenia

In Slovenia il carnevale (pust in sloveno) è una festa molto sentita, una festa della natura, che tutt’oggi conserva tradizioni antichissime. Una delle più famose maschere tradizionali slovene è quella degli Škoromati, personaggi della località di Brkini, riconoscibili per il grande cappello a punta, i vestiti di pellicce, i pantaloni bianchi e la cintura di campane sui fianchi: sempre riuniti...

Leggi di piú >

MASCHERADE IN CUNTRADA DE DOSSENA – Val Brembana (BG) - Lombardia

A Dossena, tradizionalmente, il carnevale porta nelle contrade quello che succede durante l’anno, sia in paese che in Italia. Una specie di copione che con maestria viene recitato sulle aie delle contrade. Il gruppo del carnevale, rigorosamente composto da soli uomini, per la precisione da sette uomini, giovani e meno giovani, e dai suonatori, dà il via ad un carnevale...

Leggi di piú >

LA BALLATA DELL’UOMO ORSO di Jelsi (CB)- Molise

L’antico rito, secondo alcuni studiosi si ricollega ad alcune cerimonie invernali di fertilità, con la morte che cela al suo interno la rinascita, la vita; per altri esso và ricondotto all'archetipo del sacrificio del caprio espiatorio, che con la sua morte purga la comunità delle colpe commesse. L’Uomo Orso è tenuto a catena da un domatore e un aiutante, che...

Leggi di piú >

LE STAGIONI - Cirigliano (MT) - Basilicata

Il carnevale di Cirigliano, di antichissima tradizione culturale risalente al medioevo, è un rito propiziatorio tra il sacro e il profano, collegato ai riti della fertilità e al sopraggiungere della primavera. Nel colorito e variegato corteo, ogni maschera rappresenta una coltura tipica di ognuna delle stagioni o dei mesi dell'anno. Il corteo si fa strada al suono assordante dei campanacci,...

Leggi di piú >

SOS THURPOS di Orotelli (NU) - Sardegna

La maschera di Orotelli, forse legata originariamente a ritualità propiziatorie di feste dionisiache, presenta il viso dipinto di nero, con gli occhi coperti dal cappuccio di un lungo pastrano di orbace detto su “gabbanu”. Sos thurpos rappresentano diversi personaggi della tradizione contadina. Alcuni di loro sono aggiogati come buoi e portano a tracolla dei campanacci per allontanare gli spiriti maligni....

Leggi di piú >

RIEVOCAZIONE STORICA DELL’ORSO E DELLA CORTE PRINCIPESCA - Saponara (ME) – Sicilia

Le maschere principali del corteo carnevalesco sono quelle dell’Orso (Animali e Uomini Selvatici), dei Domatori e Cacciatori, dei Suonatori di brogna (conchiglia sonora), del Principe e della sua corte di Cavalieri. La figura dell’Orso si otteneva, fino al 1968, utilizzando delle pelli di capra, dei campanacci, sommariamente legati ai fianchi e al busto, e una maschera di cartapesta riproducente la...

Leggi di piú >

LE MASCHERE CORNUTE - Aliano (MT) - Basilicata

Le caratteristiche "maschere cornute", dalle antiche origini, sono grottesche e diaboliche figure animali. Indossano i classici mutandoni invernali ("i cauzenitt") cingendosi trasversalmente con un nastro di cuoio da cui pendono numerosi campanelli di bronzo e finimenti di muli e cavalli. Hanno il volto coperto da un orrenda maschera fatta di argilla e cartapesta con un grosso naso e grandi corna....

Leggi di piú >

IL CARNEVALONE - Montescaglioso (MT) - Basilicata

Il Carnevalone di Montescaglioso, che nasce dalla cultura dei massari e dei braccianti, celebra i riti propiziatori della fertilità e del risveglio della natura e le figure tradizionali dell’evento rimandano a simboli arcaici provenienti dal mondo greco-romano e medievale. Anticamente i costumi erano realizzati con pelli di animali, oggi viene utilizzata la tela di canapa, di juta, ma anche la...

Leggi di piú >

CAMBAS DE LINNA- Guspini, Sardegna

La maschera caratteristica del carnevale guspinese, chiamata Cambas de Linna (gambe di legno), nasce quasi per “gioco”, ovvero per opera di alcuni giovani che, dopo aver visto degli artisti circensi sui trampoli al circo, si cimentarono nel loro utilizzo. I cambas de linna, che apparivano nelle strade del paese in cerca di frittelle e vino, suscitando stupore e meraviglia negli...

Leggi di piú >

IL CARNEVALE DI SKYROS- Grecia

Attraverso il Carnevale di Skyros è è possibile rivivere un rito (che affonda le radici nei riti dionisiaci, nei baccanali e nei rituali in onore del dio Pan. Il labirinto di vicoli e vicoletti che costituiscono la Chora, il villaggio di Skyros, durante il Carnevale ne diventa la fondamentale scenografia. Gli attori che la animano sono degli uomini-capra con in...

Leggi di piú >

BOES E MERDULES - Ottana (NU) - Sardegna

Maschere della tradizione sarda, rappresentano la lotta tra l'istinto animalesco e la ragione umana: infatti nelle esibizioni carnevalesche il Boe viene inseguito, frustato e catturato dal Merdule, ed insieme danno vita all'imitazione di furiose risse. I Boes indossano sul volto una maschera che ha le fattezze di un bue, realizzata in pero selvatico e variamente decorata. Portano pelli di pecora...

Leggi di piú >

BIGLIETTI VINCENTI - LOTTERIA DEL VI RADUNO Delle MASCHERE ANTROPOLOGICHE 2017

1. Premio - Soggiorno di una settimana per due persone a pensione completa preso MAGNA GRECIA Hotel Village (Metaponto) I 121 2. Premio - Smartphone SAMSUNG Galaxy J7 I 946 3. Premio - Bicicletta City Bike 28 AI, 21 velocità E 399 4. Premio - Cappello da maschera tradizionale artigianale "Mucca" L 463 5. Premio - Set valigie Coveri World...

Leggi di piú >

POLËCËNELLË BIELLË (2)

POLËCËNELLË BIELLË Alessandria del Carretto (CS) La tradizione racconta che questo costume é legato ai fidanzamenti ufficiali: infatti, la prima volta che il fidanzato faceva il suo ingresso a casa della promessa sposa, si presentava vestito da Polëcënellë biellë e, come suo primo dono, portava “u scruiazzo”, un bastone di legno inciso, opera di falegnami locali, sulla cui cima ci...

Leggi di piú >

Convegno "MASCHERE E RITI D' EUROPA"

SABATO 2 GIUGNO

- inizio intorno alle ore 9.30

- moderatore dott. Gianni Palumbo, Ispettore onorario Soprintendenza Archivistica e bibliografica di Puglia e Basilicata

                                                                Presidente dell'Associazione culturale " G. C. Giordano"

 

- saluti: Presidente della Pro Loco di Tricarico

              Sindaco di Tricarico

              Presidente Provincia di Matera

              Rappresentante del Consiglio Regionale della Basilicata

              Vice Presidente della Pro Loco 

              Eventuali brevi saluti di alcuni rappresentanti dei gruppi presenti alla manifestazione

 

- Introduzione ai lavori: Raffaello Marsilio

 - Interventi: Direttore APT Basilicata

 - Svolgimento convegno: - Giovanni Kezich: presentazione generale del progetto " Carnival King of Europe"

                                              - Ferdinando Mirizzi

                                              - Giovanni Kezich con un intervento ad hoc sulla maschera di Tricarico nel contesto della festività di Sant'Antonio Abate

                                              -  Padre Donato Giordano sul Sant'Antonio Abate, persona e mito

                                              - Giovanni Kezich proiezione del film " Carnival King of Europe"

Salve, sei il visitatore nr.
811441
OggiOggi40
IeriIeri97
Questa settimanaQuesta settimana359
Questo meseQuesto mese2337
TotaleTotale811441

Il Raduno delle Maschere Antropologiche, che quest’anno giunge alla sua sesta edizione, è nato con l’intento di diventare un momento di riscoperta delle radici popolari più autentiche della Basilicata.

 

Associazione Pro Loco Tricarico

Largo Santa Croce SNC
75019 Tricarico (MT)
Basilicata, Italia

Part.IVA 005571507

Ciccio: +39 3273629138
Rocco: +39 3931090808
Mauro: +39 3295832774
Angelica: +39 3208141596
Email: info@prolocotricarico.it

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.